Array ( [hide_title] => 1 [hide_tagline] => 1 [logo] => [inline_logo_site_branding] => [retina_logo] => [logo_width] => 190 [top_bar_width] => full [top_bar_inner_width] => contained [top_bar_alignment] => right [container_width] => 1470 [container_alignment] => boxes [header_layout_setting] => fluid-header [header_inner_width] => contained [nav_alignment_setting] => left [header_alignment_setting] => center [nav_layout_setting] => fluid-nav [nav_inner_width] => contained [nav_position_setting] => nav-below-header [nav_drop_point] => [nav_dropdown_type] => hover [nav_dropdown_direction] => right [nav_search] => disable [content_layout_setting] => one-container [layout_setting] => no-sidebar [blog_layout_setting] => no-sidebar [single_layout_setting] => no-sidebar [post_content] => excerpt [footer_layout_setting] => fluid-footer [footer_inner_width] => contained [footer_widget_setting] => 1 [footer_bar_alignment] => right [back_to_top] => enable [background_color] => #fcfbfa [text_color] => #000000 [link_color] => #000000 [link_color_hover] => #000000 [link_color_visited] => [font_awesome_essentials] => 1 [icons] => font [combine_css] => 1 [dynamic_css_cache] => 1 [font_body] => Montserrat [nav_is_fixed] => 1 [structure] => floats [header_text_color] => #3a3a3a [header_link_color] => #3a3a3a [navigation_background_color] => #222222 [navigation_text_color] => #ffffff [navigation_background_hover_color] => #3f3f3f [navigation_text_hover_color] => #ffffff [navigation_background_current_color] => #3f3f3f [navigation_text_current_color] => #ffffff [subnavigation_background_color] => #3f3f3f [subnavigation_text_color] => #ffffff [subnavigation_background_hover_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_hover_color] => #ffffff [subnavigation_background_current_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_current_color] => #ffffff [sidebar_widget_title_color] => #000000 [site_title_font_size] => 45 [mobile_site_title_font_size] => 30 [form_button_background_color] => #666666 [form_button_background_color_hover] => #3f3f3f [footer_background_color] => #222222 [footer_link_hover_color] => #606060 [entry_meta_link_color] => #595959 [entry_meta_link_color_hover] => #1e73be [blog_post_title_color] => #000000 [blog_post_title_hover_color] => #000000 [heading_1_font_size] => 40 [mobile_heading_1_font_size] => 30 [heading_1_weight] => 300 [heading_2_font_size] => 30 [mobile_heading_2_font_size] => 25 [heading_2_weight] => 300 [heading_3_font_size] => 20 [mobile_heading_3_font_size] => [heading_4_font_size] => [mobile_heading_4_font_size] => [heading_5_font_size] => [mobile_heading_5_font_size] => [font_heading_1] => Raleway [font_heading_2] => Raleway [font_heading_3] => Raleway )

Insieme per San Francesco | Assisi

Insieme per San Francesco | Assisi

Gli affreschi della volta della Chiesa Inferiore della Basilica di San Francesco d’Assisi versano in uno stato critico. E‘ necessario e urgente un intervento di conservazione per assicurare un futuro a questa meravigliosa volta, in particolare alla vela raffigurante San Francesco in gloria, testimonianza inestimabile della ricchezza artistica, storica e spirituale di questo luogo.

Assisi

Italia

Campagna chiusa.

Grazie per il tuo supporto!

Abbiamo raccolto:

3.629,00

13% su 27.250,00

“Noi frati del Sacro Convento abbiamo un privilegio grandissimo, quello di custodire la Basilica dove riposano le spoglie mortali di San Francesco d’Assisi. Molti artisti vennero chiamati qui a onorare San Francesco con la loro opera sapiente. Così questa Basilica e questo convento, impreziositi dal lavoro di architetti, costruttori, scultori, pittori, sono oggi un gioiello unico al mondo. Ora tocca a noi preservare opere d’arte di Maestri quali Cimabue, Giotto, Pietro Lorenzetti, Simone Martini. Le custodiamo anche a nome tuo e dei milioni di visitatori che giungono qui ogni anno, perché le generazioni future possano ancora godere di tutta questa bellezza, testimonianza di arte e di fede. Lo possiamo fare grazie all’aiuto di tutti”.

Padre Marco Moroni | Custode del Sacro Convento di San Francesco di Assisi

La Chiesa Inferiore della Basilica di San Francesco

La Chiesa Inferiore della Basilica di San Francesco in Assisi fu edificata con l’intento di custodire le spoglie del Santo nella sua città natale: è oggi luogo di grande spiritualità e pace, nonché meta per eccellenza di pellegrinaggio e culto.
Il complesso architettonico della Basilica conserva capolavori inestimabili, tra cui affreschi di Giotto e Cimabue che raffigurano la vita straordinaria di San Francesco.  Vi si celebra non solo il Santo nell’universalità della sua spiritualità – riconosciuta non solo dagli italiani, cattolici e non, ma anche da ortodossi e protestanti, indù, buddisti, ebrei ed atei – ma anche un patrimonio artistico unico che segna una tappa importante nel percorso dell’arte figurativa.

Il presbiterio della Chiesa Inferiore, che conserva il gotico altare papale consacrato nel 1253, è coperto da una grande volta a crociera, decorata con affreschi attribuiti a Giotto e alla sua bottega e databili al 1334 circa.

Nelle quattro grandi vele, tutte su sfondo dorato, sono raffigurate le Allegorie francescane della Castità, della Povertà e dell’Obbedienza – cardini della Regola francescana – oltre a un Trionfo di San Francesco.

Quest’ultimo pone al centro la figura del Santo concepito come Alter Christus – un’icona vivente di Cristo – caratterizzato da una pregiatissima tunica che ricorda le icone bizantine.  Eccezionale in questo affresco è il corposo uso dell’oro, che testimonia il massimo della sontuosità raggiunta nella decorazione della Basilica, in evidente spirito revisionistico rispetto al pauperismo predicato dal Santo fondatore.

Questa straordinaria lunetta ha bisogno di un urgente intervento di restauro, fondamentale per assicurare un futuro a questa meravigliosa volta.

STATO DI CONSERVAZIONE

I dipinti delle vele del presbiterio sono soggetti a fenomeni di degrado, causati da vari fattori, da quelli sismici – data la vulnerabilità propria del sito – a quelli microclimatici, dovuti alla corposa e costante presenza di visitatori. L’ultimo intervento di restauro è stato effettuato ormai circa 50 anni fa.
Sono evidenti e diffusi sedimentazioni, distacchi e micro-sollevamenti della pellicola pittorica, nonché lesioni lungo tutta la superficie.
Nei prossimi mesi è quindi previsto un intervento conservativo sull’intera volta a crociera sovrastante l’altare maggiore della Chiesa Inferiore della Basilica.

Il Restauro

L’intervento prevede il ripristino della stabilità e dell’adesione della pellicola pittorica all’intonaco e dello stesso intonaco alla struttura sottostante. Le vecchie stuccature – che risalgono a interventi di restauro precedenti – saranno consolidate o rimosse e sostituite con nuove realizzate con malte adeguate e compatibili con i materiali preesistenti. I sollevamenti della pellicola pittorica saranno fissati mediante infiltrazioni di emulsioni acriliche e, in seguito, verrà eseguita una pulitura a secco tramite spugne per la rimozione della polvere leggermente fissata, della polvere bianca salina e delle ragnatele.

Il restauro assicurerà un futuro a questa meravigliosa volta. Diventa Angelo: insieme per San Francesco. 

Focus: San Francesco è una delle figure religiose più venerate della storia grazie alla natura universale della sua spiritualità, alla semplicità del suo messaggio, all’amore professato per il creato. E’ patrono degli animali e degli uccelli, suoi “fratelli” e “sorelle” nel Cantico di frate Sole che costituisce il primo testo poetico scritto in lingua italiana. E’ inoltre il santo patrono d’Italia, della città di Assisi e di cinque città del Nord America: Denver (Colorado), Metuchen (New Jersey), Salina (Kansas), San Francisco (California) e Santa Fe (New Mexico).

Francesco nacque in Italia intorno al 1181 in una benestante famiglia di commercianti di tessuti. Dopo aver combattuto in una battaglia tra Assisi e Perugia, fu catturato e imprigionato. Trascorse quasi un anno nelle carceri perugine fino a quando venne riconsegnato al padre in cambio di un riscatto. Dopo il suo rilascio, Francesco ebbe un’epifania spirituale che lo spinse a rinunciare a tutti i suoi averi. Abbandonando la sua vita di lusso, iniziò una intensa vita di fede cristiana e nel 1209 accolse altri giovani di Assisi che con lui costituirono il primo nucleo dell’Ordine francescano. Dopo la sua morte nel 1226, fu canonizzato da Papa Gregorio IX nel 1228, anno in cui vennero avviati i lavori di costruzione della Basilica.

Foundation for the Basilica of San Francesco in Assisi is a non-profit organization established on 16 February 2002 by the General Custody of the Sacred Convent of St. Francis in Assisi. Its objectives are the protection, promotion and enhancement of the religious, historical and monumental heritage represented by the Basilica and the Sacred Convent of St. Francis of Assisi in Assisi, Italy. These objectives are to be achieved in collaboration with other authorities and entities specifically appointed for the purpose. They also include the development of projects for safety, environment and peace, in the Franciscan Spirit, not only inside but also outside the site in Assisi, both on Italian territory and abroad. The advancement of such projects is due to the knowledge and skills provided through collaboration with both Italian and international parties. To achieve these goals, the Foundation is fortunate to count on the voluntary and unpaid contribution of all the individuals and organizations who participate in the various projects, providing their knowledge and skills. The Foundation is also grateful for the financial support of its generous donors.

https://www.sanfrancescoassisi.org/fondazione/eng/

Ricompense

10,00

25,00

100,00

500,00

1.000,00

2.000,00

5.000,00