Perchè è Importante

La Pontificia Basilica di S. Antonio è uno tra i maggiori capolavori dell’arte veneta e mondiale. La sua storia architettonica, monumentale e artistica è fatta di eccellenze – dal Medioevo alla contemporaneità – con contributi di  artisti come Giotto, Donatello, Tiziano, Pietro, Antonio e Tullio Lombardo, Sansovino, Parodi, Tiepolo, Annigoni.

Diventa un Angelo, unisciti alla campagna Restaur’Antonio per l’affresco del Santo.

L’Affresco del Santo | Basilica di Sant’Antonio di Padova

Raggiunto:
38%
  •  5.390

    Obiettivo
  •  2.047

    Raccolti
  • 116

    Giorni Rimasti
Minimum amount is € Maximum amount is €
Padova, Italia

La Storia

“Il Santo”, la Basilica di Sant’Antonio in Padova

Antonio di Padova, noto in Portogallo come Antonio da Lisbona, venne proclamato santo da papa Gregorio IX: la sua canonizzazione fu fulminea, appena 11 mesi dopo la sua morte, avvenuta il 13 giugno 1231. Da allora, per i cittadini padovani, la basilica innalzata in suo onore è nota semplicemente come ‘il Santo’. Costruita tra il 1232 ed il 1310, la Basilica sorge a fianco della piccola chiesa di Santa Maria Mater Domini – oggi la Cappella della Madonna Mora – vicino alla quale nel 1229 fu fondato un convento dei francescani, forse proprio da Sant’Antonio che vi soggiornò tra il 1229 ed il maggio 1231.

I lavori di costruzione della monumentale basilica furono eseguiti con celerità, a riprova dell’amore e della venerazione che il frate Antonio fin da subito destò nei cuori dei fedeli.  Oggi, la sua tomba nella Basilica – Veneranda Arca del Santo – attira un flusso costante di visitatori, pellegrini e supplicanti. mondo è anche uno dei più celebri e frequentati luoghi di culto della cristianità.

La Pontificia Basilica di S. Antonio è uno tra i maggiori capolavori dell’arte veneta e mondiale. La sua storia architettonica, monumentale e artistica è fatta di eccellenze – dal Medioevo alla contemporaneità – con contributi di  artisti come Giotto, Donatello, Tiziano, Pietro, Antonio e Tullio Lombardo, Sansovino, Parodi, Tiepolo, Annigoni.

La Veneranda Arca di Sant’Antonio

L’IMMAGINE PIU’ ANTICA

Tra gli straordinari elementi storico-artistici della Basilica, la controfacciata è di particolare interesse in quanto parte più antica della chiesa.  In una delle nicchie interne nel pilastro addossato al muro, è ospitata una delle prima rappresentazioni di Sant’Antonio, tra le raffigurazioni più antiche del Santo conservate nella Basilica. Nello stesso ciclo sono raffigurati, con un affresco più recente, il francescano Ludovico di Tolosa recente e Lucia, una delle figure femminili più innalzate all’onore degli altari, tra le più diffuse nel Medioevo e tra i francescani.

Sant’Antonio, quasi fosse fisicamente presente, è ritratto a grandezza naturale e in atto di benedire, a sottolineare l’interazione tra la figura dipinta e il fedele che vi si avvicina. E’ tuttavia sopraelevato rispetto all’osservatore, a indicarne uno status diverso. Con la mano destra regge il volume, simbolo della propria dottrina. L’autore dell’affresco si esprime in un linguaggio dalle forme solide e di comunicatività immediata. Di un’importante forza iconica,  il dipinto è espressione di come, nella prima metà del Trecento, la lezione giottesca sia ancora viva e vitale nel contesto padovano.  Si può pensare che questo affresco, situato in un punto così strategico all’ingresso della chiesa, avesse funzione come richiamo alla devozione dei fedeli, ‘accolti’ al loro entrare.

 

Affresco di Sant’Antonio (trecento)

UN URGENTE INTERVENTO DI RESTAURO

L’immagine versa in un preoccupante stato conservativo e un immediato intervento è necessario per interrompere il degrado e ricostituire la completa leggibilità.  È necessario intervenire nel consolidamento degli strati più profondi. Si procederà con la rimozione degli intonaci di vecchi restauri e la stesura di nuovi materiali. Si eseguiranno esami chimici volti a determinare con maggior precisione la tecnica esecutiva e verranno infine colmate le lacune.  Il restauro potrà rivelarsi prezioso per controllare la presenza di eventuali tracce di affresco sottostanti alle figure attuali, che potrebbero convalidare l’idea della presenza di immagini antoniane e /o francescane precedenti a quelle che vediamo, in uno dei punti più antichi della costruzione.

Il restauro assicurerà il futuro di questo prezioso e fragile dipinto.

Diventa Angelo, unisciti alla campagna Restaur’Antonio per l’affresco del Santo.

 

 

LoveItaly sta lavorando in collaborazione con la Veneranda Arca di S. Antonio

Istituita nel 1396 la Veneranda Arca di S. Antonio di Padova è l’Ente a cui è affidato il compito di provvedere alla conservazione e al miglioramento degli edifici monumentali della Basilica di Sant’Antonio da Padova e degli altri stabili. È costituita da cinque cittadini di Padova, eminenti per rettitudine e capacità, coadiuvati da due religiosi, il rettore della basilica e un membro laico nominato dalla Santa Sede. Nel 2000 una speciale commissione del Consiglio di Stato ha decretato che le fabbricerie, a cui l’Arca è assimilata, debbano essere considerate enti privati a rilevanza pubblica.  www.arcadelsanto.org

 

Restauro_affresco_SantAntonio_dettagli

Livelli

€10

Certificato di donazione e ringraziamento sul sito di LoveItaly

€25

Tutte le ricompense Cherubino, ringraziamento sulla pagina Facebook Museo Antoniano e tour guidato della Basilica

€50

Tutte le ricompense Angelo e un ringraziamento sul sito della Veneranda Arca. In alternativa alla visita guidata, il libro BLU PAONAZZO. FURTI, AMORE E CRIMINI SOTTO LE CUPOLE DEL SANTO AL TEMPO DI DONATELLO di Giovanna Baldissin Molli.

€100

Tutte le ricompense Angelo Bronzo, visita esclusiva alla balaustra e altare della Basilica non accessibile al pubblico o in alternativa abbonamento digitale a Il Messaggero settimanale dalla Basilica di Sant Antonio, disponibile in inglese o italiano

€500

Tutte le ricompense Angelo Argento, 1 notte per 2 persone alla Casa del Pellegrino (hotel adiacente alla Basilica in Padova)

€1000

Tutte le ricompense Angelo Oro e il tuo nome sulla Placca Donatori nel Museo Antoniano

€2000

Tutte le ricompense Angelo Platino e accesso esclusivo agli eventi in Basilica (da decidere insieme)

€5000

Tutte le ricompense Angelo Diamante, un tour sulle Cupole della Basilica e il tuo nome sulla Placca Donatore in prossimità del dipinto

Se preferisci puoi aiutarci anche tramite bonifico bancario. Se scegli questo metodo di pagamento, ti chiediamo gentilmente di inviarci per email una copia della ricevuta di bonifico, in modo da poterti inserire tra i donatori ufficiali di LoveItaly sul nostro sito web!

LoveItaly Associazione Culturale
Unicredit Banca / Roma Non Profit
Piazza Barberini n.40, 00187 – Roma
IBAN: IT45W0200803284000103456316
Swift/Bic: UNCRITM1RNP