Perchè è Importante

Una piccola camera da letto di 2.000 anni dallo straordinario valore scientifico, storico e artistico. Il Cubiculum N. 3 offre un raro e unico sguardo nella vita dell’esclusivo distretto VI di Pompei durante gli anni dell’Età dell’Oro della città. Aiutaci a finanziare i lavori di restauro per riportarla al suo splendore e aprire a tutti le sue porte.

La Stanza del Secolo d’Oro di Pompei

Raggiunto:
22%
  •  53.000

    Obiettivo
  •  11.704

    Raccolti
  • 14

    Giorni Rimasti
Minimum amount is € Maximum amount is €
Pompei, Italia

La Storia

Al n° 3/5 del Via Mercurio, la Domus del Centauro contiene una delle strutture più antiche di Pompei : il Cubicolo 3. E’ uno squarcio di vita dell’aristocrazia Sannita – che occupava la città prima della colonizzazione Romana – ed è sopravvissuto non solo alle tendenze decorative e al passare del tempo, ma anche all’eruzione del 79 d.C. e ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

Il Cubicolo è la rappresentazione dell’intimità dei pompeiani antichi. Varcando la soglia di una lussuosa camera da letto decorata con pitture e stucchi, si scopre un’anticamera e poi l’alcova per dormire.  Il decoro originale – nel Primo Stile Pittorico – lo rende un rarissimo reperto che necessita di un accurato restauro conservativo.

1/2/3. Dettagli decorativi interni in “Primo Stile” eseguiti con stucco colorato così da poter ricreare i muri a blocchi tipici dei templi e degli edifici pubblici. 2. Panoramica della Domus del Centauro con visibile a destra l’ingresso al Cubicolo.

Ispirato alla tradizione greca, il Primo Stile risale al 200 a.C. ed è poco frequente a Pompei, poiché negli anni le decorazioni interne sono state spesso modificate in linea con le tendenze del momento. Lo stile consiste in un’ imitazione plastica di marmi e porfido, eseguita con dello stucco colorato così da poter ricreare i muri a blocchi tipici dei templi e degli edifici pubblici.

Via Mercurio, nella Regio IV, è sempre stata una delle vie più ambite della città grazie alla sua vicinanza al Foro, anche nella tarda età sannitica considerata il “Secolo d’Oro” di Pompei.  E nella Domus del Centauro – in questo momento chiusa al pubblico – è stato rinvenuto un mosaico del 400-350 a.C., che risulta essere non solo il più antico mai trovato a Pompei ma, anche, uno tra i più antichi di tutta la Magna Grecia.

Questa domus è un luogo nel quale è possibile ripercorrere la storia della città e capire come l’edilizia si sia trasformata nel tempo col mutare delle vicende storiche e della società pompeiana. L’intervento nel Cubicolo riporterà il decoro al suo originario splendore e permetterà l’apertura della Domus del Centauro ai visitatori, restituendogli altri secoli di sopravvivenza.

1. Elementi decorativi del cosiddetto “Primo Stile” 2. Graffito inciso sulla parete ovest dell’anticamera con il nome di Cornelia Orestina, la seconda moglie dell’imperatore Caligola. 3. Raro esempio di alcova

Il primo crowdfunding di Pompei

Lo stato di conservazione dell’intero sito archeologico rappresenta una grande sfida per la Soprintendenza di Pompei. Il crowdfunding per le singole strutture del sito è una grande opportunità per poter dare il proprio contributo e per far parte di un nuovo capitolo nella lunga storia di Pompei.  Il progetto è sotto la supervisione del Dott. Fabio Galeandro, archeologo responsabile per il Regio VI.

Il Restauro

Il restauro delle decorazioni del Cubicolo è essenziale per fermarne il deterioramento e preservare l’unicità della Domus. L’attuale stato di conservazione è molto critico (incrostazioni, concrezioni, patine, stuccature degradate, decoesioni, efflorescenze saline, micro fratturazioni) per cui risulta necessario un particolare intervento di manutenzione conservativa e restauro (rimozione delle incrostazioni, bloccaggio e ristabilimento della coesione, pulitura meccanica e chimica, disinfestazione con biocida, ristabilimento, fissaggio, consolidamenti e stuccature).

L’obiettivo

L’obiettivo da raggiungere per la campagna è €53.000: i costi del restauro ammontano a €48.065 (come da allegato), 3% per la piattaforma di crowdfunding, 3% per spese amministrative, i costi per la produzione del video e la commissione per la carta di credito.

SchedaDettaglioPompeiITA

Livelli

€10

Certificato di Donazione

€25

Certificato di Donazione + Nome e ringraziamento sul sito di LoveItaly

€50

Certificato di Donazione + Nome e ringraziamento sul sito di LoveItaly

€100

Certificato di Donazione + Nome e ringraziamento sul sito di LoveItaly + Invito a partecipare alle attivita dell Associazione LoveItaly + 2 biglietti omaggio (su richiesta) per Pompei

€500

Certificato di Donazione + Nome e ringraziamento sul sito di LoveItaly + 2 biglietti omaggio (su richiesta) per Pompei + visita guidata con i restauratori della Domus

€1000

Certificato di Donazione + Nome e ringraziamento sul sito di LoveItaly + 2 biglietti omaggio (su richiesta) per Pompei + Visita guidata con i restauratori della Domus + Invito ad eventi ed inaugurazioni private di LoveItaly

€2000

Certificato di Donazione + Nome e ringraziamento sul sito di LoveItaly + 2 biglietti omaggio (su richiesta) per Pompei + Visita guidata con i restauratori della Domus + Invito ad eventi ed inaugurazioni private di LoveItaly + Invito esclusivo a cena con i membri del Consiglio di LoveItaly in una casa privata.

€5000

Certificato di Donazione + Nome e ringraziamento sul sito di LoveItaly + 2 biglietti omaggio (su richiesta) per Pompei + Visita guidata con i restauratori della Domus + Invito ad eventi ed inaugurazioni private di LoveItaly + Invito esclusivo a cena con i membri del Consiglio di LoveItaly in una casa privata + Soggiorno di una notte presso Punta Tragara Hotel a Capri con vista dei Faraglioni.

Se preferisci puoi aiutarci anche tramite bonifico bancario. Se scegli questo metodo di pagamento, ti chiediamo gentilmente di inviarci per email una copia della ricevuta di bonifico, in modo da poterti inserire tra i donatori ufficiali di LoveItaly sul nostro sito web!

LoveItaly Associazione Culturale
Unicredit Banca / Roma Non Profit
Piazza Barberini n.40, 00187 – Roma
IBAN: IT45W0200803284000103456316
Swift/Bic: UNCRITM1RNP